Nella seduta del 16 novembre 2023 il Consiglio d’Amministrazione di APS Holding S.p.A. ha approvato le delibere con le quali vengono aggiudicati sia l’appalto integrato per la realizzazione della linea tranviaria SIR 2 Sistema SMART che l’affidamento dei servizi di Project Management Office, Direzione Lavori e Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione relativi alla medesima linea tranviaria SIR 2 Sistema SMART.

Com’è noto, l’importo della gara europea per l’appalto integrato (progettazione esecutiva e realizzazione dei lavori) ammonta complessivamente a € 210.487.032,07 e l’appalto è suddiviso in due lotti funzionali:

– il lotto ovest (Rubano-Padova) per più di 114 milioni di euro;

– il lotto est (Padova- Vigonza) per complessivi 95 milioni di euro.

Ricordiamo che, a seguito della valutazione delle offerte tecniche da parte della commissione di esperti e dell’apertura della proposta economica, ha ottenuto il miglior punteggio nel lotto Ovest (Rubano – Stazione di Padova) l’operatore economico la cui mandataria è ICM S.p.A. la quale risulta quindi aggiudicataria per la realizzazione della progettazione esecutiva e dei rispettivi lavori. Il lotto Est (Stazione PD – Vigonza) è stato quindi assegnato all’operatore economico la cui mandataria è Vittadello S.p.A., in ragione del c.d. “vincolo di aggiudicazione”di cui all’art. 51, comma 3, D.Lgs. 50/2016, previsto dalla legge di gara, che prevede che il singolo concorrente possa aggiudicarsi un solo lotto.

Dopo le verifiche delle dichiarazioni rese si è pervenuti all’efficacia di entrambe le aggiudicazioni e nelle scorse settimane sono stati firmati i contratti con l’ATI la cui mandataria è Vittadello S.p.a. ((lotto est) e, successivamente, con l’ATI la cui mandataria è ICM (lotto ovest).

 

Il presidente di APS Holding Giuseppe Farina commenta: “Si tratta di una formalità che sancisce però un passaggio fondamentale che evidenzia anche il grande spirito di collaborazione con cui le imprese aggiudicatarie stanno lavorando in sinergia con la stazione appaltante per raggiungere l’obiettivo del 2026. Stiamo lavorando a ritmo serrato con le imprese, i rispettivi progettisti e gli enti territoriali interessati con l’intento di ottimizzare il risultato anche sotto gli aspetti tecnici e operativi per rispettare i tempi e il cronoprogramma. Un impegno che vede quotidianamente impegnate decine di persone cui va anche questa volta il mio ringraziamento.”

 

Il RUP del Sir2 Diego Galiazzo aggiunge: “Parallelamente al lavoro che ci ha portati alla firma dei contratti, il 15 gennaio la stazione appaltante ha avviato il servizio di progettazione ad entrambe le compagini che dispongono ora di 90 giorni per trasmettere la progettazione esecutiva delle opere. Entrambe le ATI avvieranno a breve le attività propedeutiche ai lavori ovvero le indagini integrative e la bonifica bellica delle aree di maggiori dimensioni (depositi officine e piazzali). Entro fine mese saranno avviate le operazioni di immissione in possesso delle aree espropriate e interessate dall’intervento.”

 

L’assessore alla mobilità Andrea Ragona dichiara: “Un passo formale ma di fondamentale importanza che ci fa entrare nel vivo delle operazioni per la realizzazione del Sir 2 e mi preme evidenziare lo spirito di grande collaborazione con le aziende – che ringrazio a nome dell’amministrazione – con le quali condividiamo ogni passo verso questo obiettivo, strategico e importante per tutti. Questa notizia e il nostro perfetto rispetto del cronoprogramma mi danno anche l’opportunità di commentare e smentire definitivamente una fake news circolata sui social e diffusa da persone note alle cronache per la loro posizione politica e ideologica contro le nuove linee tranviarie, le quali hanno lanciato una pesante accusa nei nostri confronti: non aver comunicato il via libera all’aggiudicazione definitiva da parte dell’ANAC. Un maldestro tentativo di gettare ombre su un’opera pubblica così attesa dalla città: non è infatti prevista alcuna approvazione da parte dell’ANAC rispetto alle aggiudicazioni disposte dalle Stazioni Appaltanti, nemmeno per le gare finanziate nell’ambito del PNRR, mentre il termine del 31 dicembre 2023 era previsto dai decreti ministeriali di finanziamento essenzialmente per l’approvazione delle aggiudicazioni da parte di APS Holding, termine abbondantemente rispettato nel caso concreto, dal momento che le aggiudicazioni del SIR 2 sono state disposte ancora il 16 novembre 2023. Il confronto e la discussione anche partendo da posizioni diverse sono un pilastro della nostra amministrazione, ma se partono da notizie false diffuse solo per screditare il lavoro di decine di persone, non ci stiamo. Andiamo avanti con questo grande lavoro con la collaborazione di professionisti e professioniste che quotidianamente si impegnano per raggiungere un risultato che la città attende impaziente. A tutti loro un mio grande ringraziamento.”

 

Andrea Vittadello, CEO di Vittadello Spa, dichiara: “Vittadello Spa ha assunto sin dal giorno successivo all’aggiudicazione un impegno immediato e deciso nei confronti di un progetto di notevole rilevanza per il bene della città. Grazie allo sforzo congiunto di tutti i soci e ai progettisti incaricati, in tempi veramente ristretti ha prontamente adempiuto a tutte le formalità amministrative necessarie, tra cui la costituzione del Raggruppamento Temporaneo d’Imprese, l’emissione delle fideiussioni e delle polizze assicurative. Ciò ha consentito la firma del contratto già il 28 dicembre 2023, rispettando così l’obiettivo prefissato di fine anno, una tempistica che solo qualche settimana prima sembrava utopica e non raggiungibile nei termini. Sono state messe in campo fin da subito le figure professionali principali di riferimento per la parte di progettazione e di inizio lavori, sono stati contattati i primi fornitori per poter iniziare i lavori preliminari ed è stato predisposto un programma relativo alla redazione della progettazione e dei lavori da eseguire. Successivamente alla consegna dell’Ordine di Servizio per l’avvio delle attività di progettazione, avvenuto il 15 gennaio scorso, la RTI si è fatta parte proattiva nel supporto ai progettisti per lo sviluppo del Progetto Esecutivo e per la riprogettazione della linea di collegamento al Nuovo Ospedale di Padova. L’obiettivo primario è di avviare prontamente le prime attività critiche, che comprendono l’ampliamento del deposito Guizza, la nuova linea di collegamento al nuovo Polo Ospedaliero che verrà realizzato, il supporto al Cliente per lo spostamento di alcuni sottoservizi in centro città e la bonifica bellica prevista. La data di completamento per l’intera tratta est è stimata per il 30 giugno 2026. Una scadenza senza dubbio impegnativa, ma con la massima mobilitazione delle risorse migliori e con le energie che abbiamo messo tutti in campo in queste prime settimane, siamo fiduciosi di poter raggiungere questo ambizioso traguardo.”

 

Gianfranco Simonetto, presidente di Gruppo ICM, dichiara: “Con la firma del contratto, inizia la fase di progettazione che durerà 90 giorni a cui seguiranno i lavori per una durata di 770 giorni. Grazie alla lungimiranza del Comune di Padova che ha saputo inserire nell’ambito del PNRR questo progetto, la nostra Impresa prosegue nella politica di impegno in opere infrastrutturali finanziate dal PNRR e che riguarda la mobilità sostenibile, settore in cui ICM è presente da tempo e che sta incrementando”.

 

Padovanet – Rete Civica del Comune di Padova >>